L'effetto fotovoltaico fu scoperto nel 1839 dal fisico francese Alexandre-Edmond Becquerel. Piu tardi ha conosciuto uno sviluppo significativo grazie ai satelliti alimentati con l electtricita grazie all'energia solare. Oggi le installazioni dei pannelli solari consentono di trasformare l'energia solare in corrente elettrica dal tetto.

PRINCIPIO DI BASE

Un pannello solare è composto da cellule fotovoltaiche disposte in righe tra una lastra di vetro e un contatto posteriore in tedlar. Il loro funzionamento è basato sul materiale con cui queste cellule sono fatte, ovvero il silicio, un materiale semiconduttore che si trova in abbondanza nella natura. Gli elettroni che circolano attorno agli atomi di silicio si muovono a contatto con i fotoni dei raggi del sole. Per creare corrente, è necessario guidare questa circolazione, poiché la cella è composta da due strati di silicio, aggiungeremo a quella che è in contatto con il sole del fosforo che ha un numero di elettroni superiore al silicio. Sulll'altro strato viene aggiunto il boro che ha numero inferiore di elettroni. Una forma di pila viene creata tra la faccia esposta al sole (-) e sul retro della cella (+). Gli elettroni passano naturalmente tra il terminale + e -, ció che crea una corrente elettrica continua. La connessione di questi due terminali tramite un cablaggio consente di creare un flusso di corrente elettrica.

COLLEGAMENTO

I pannelli sono collegati tramite cablaggio ad una scatola di collegamento, lei stessa connessa all'inverter. L'inverter consente di trasformare la corrente continua fornita dai pannelli in corrente alternata grazie ad un transistore. Il dispositivo è dotato di un microprocessore che analizza la tensione di rete e inietta una corrente sinusoidale in fase. Consente quindi la conformità della corrente prodotta con gli standard fissati dal gestore di rete. Quindi l'attuale reinizializzazione alla rete elettrica a cui si è connessi può essere acquistata dal fornitore. L'inverter è inoltre dotato di un radiatore o di un ventilatore che regola la sua temperatura. Se la rete è spenta, é previsto un arresto automatico per evitare il surriscaldamento. Il collegamento include anche un misuratore di consumo e di produzione che consente di gestire l'energia prodotta dall'installazione e da ciò che utilizzate.